Primo maggio festa dei lavoratori - ALIS

Vai ai contenuti

Primo maggio festa dei lavoratori

REDAZIONE
01.05.2022

Primo maggio, la festa dei lavoratori, ma oggi la possiamo chiamare realmente festa? Crisi economica, crisi pandemica, crisi politica, con ripercussioni inevitabili su tutto il panorama sociale sotto ogni aspetto. Festa per chi un lavoro non lo ha più perché la sua attività ha chiuso, perché il datore di lavoro è stato costretto a licenziare per salvare il salvabile, per coloro che devono lottare e spesso fare più lavori in contemporanea per cercare di portare uno stipendio che gli consenta la sopravvivenza. Lavoratori che spesso pur di lavorare devono accettare situazioni e condizioni precarie e troppo spesso con un livello di sicurezza e prevenzione inesistenti. Incidenti e infortuni sul lavoro in costante crescita della quale oggi è una emergenza più che mai intollerabile, salari minimi da dover garantire per una dignità alla vita dei lavoratori e della persona, concreta tutela e miglioramento della qualità del lavoro dei lavoratori, lotta al lavoro sommerso. Tutto questo oggi deve essere più che mai motivo di dialogo tra le varie forze politiche per arrivare a una soluzione dove il solo unico fine è migliorare la qualità di vita del lavoro della persona. L' assistenzialismo del reddito di cittadinanza è la più fallimentare soluzione che si possa pensare per incoraggiare il singolo al lavoro dove i soli effetti sono stati di un immobilismo totale. Dobbiamo invece stimolare, incentivare, sostenere la persona al lavoro ad investire per una cultura vincente.
Via Antonio Paolucci, 25 Piano T - 00151 - Roma - Tel. 06.69352541 - Whatsapp: 3467630520  - Mail: segreteria.alis@gmail.com - C.F.: 96493090581
Torna ai contenuti